Indice del forum www.spiritoconlascure.it
Il Forum di Za-gor Te-nay
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
Indice del forum

          
IL RADUNO AUTUNNALE 2019 - BOLOGNA 16-17 NOVEMBRE***

LA DEA NERA (53)
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Commenti sulle storie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Kerzhakov91
Il russofilo ristampatutto
Il russofilo ristampatutto


Registrato: 22/03/08 22:36
Messaggi: 2136
Localit: San Pietroburgo

MessaggioInviato: Ven Set 13, 2013 12:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ci che dici vero fino a un certo punto. Io sono convinto che, scritta oggi, questa storia sarebbe venuta fuori ancora migliore, perch maggiormente approfondita ( bella, ma le potenzialit non furono del tutto sfruttate da Nolitta all'epoca).
_________________


"A Zagor sento di aver dato il mio entusiasmo e una buona dose di incoscienza, a Mister No la mia maturit di uomo, a Tex la mia professionalit e la mia gratitudine"
Sergio Bonelli/Guido Nolitta
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Spiritello senza scure
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 28/08/12 07:45
Messaggi: 8368
Localit: Vinegia

MessaggioInviato: Ven Set 13, 2013 12:40 pm    Oggetto: Rispondi citando

Quello che dici riguardo alle potenzialit non sfruttate da Nolitta del tutto condivisibile Applause
Sul fatto che un approfondimento fatto oggi la renderebbe ancora meglio...beh, permettimi di nutrire qualche dubbio a riguardo Very Happy
Forse sono prevenuto, ma la parola "approfondimento" messa nelle mani degli autori odierni fa (troppo spesso) pericolosamente rima con "appesantimento" Angel
_________________
...E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica.

...La felicit non di questo mondo. Tutto quello che possiamo fare cercare di essere felici facendone a meno.

Nulla di veramente grande mai stato fatto senza passione.

A chi vede sempre il bicchiere mezzo vuoto consiglio di travasare tutto in uno pi piccolo e di non rompere i coglioni

Allorch, esaurito ogni motivo di rivolta, non si sa pi contro cosa insorgere si presi da una tale vertigine che si darebbe la vita in cambio di un pregiudizio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Kramer76
TOP PLAYER


Registrato: 24/06/09 11:24
Messaggi: 12807

MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2014 2:36 pm    Oggetto: Rispondi citando



la dea nera
storia simpatica e sottovalutata. in pochissime vignette nolitta e il retro' donatelli riescono a inquietare abbastanza. anche in questa storia c' un SENSO DI MORTE che serpeggia ed esce fuori bene prima nella gag macabra, l'iniziazione del bimbominkia thug, e poi nel finale, che a mio modo di vedere un finale DI LUSSO e memorabile per una storia cos breve.

voto 8+
_________________
Michele P.


Ultima modifica di Kramer76 il Sab Apr 06, 2019 1:12 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Esploratore Scomparso
Zagoriano Advanced
Zagoriano Advanced


Registrato: 06/05/05 10:40
Messaggi: 296

MessaggioInviato: Sab Apr 21, 2018 3:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

In effetti una storia che non sfrutta pienamente la presenza dei Thugs, anche se rimane comunque godibile e divertente, un po' superficiale e tirata via in alcune parti.
Da ricordare sicuramente la gag di Cico con la racchiona, il fatto che finisca dentro il blocco di ghiaccio un po' una scena da Paperino o Tom&Jerry, al giorno d'oggi non ne vedremmo pi, almeno sulla serie regolare.
Per il blocco di ghiaccio funzionale al fatto che Cico prenda il raffreddore, tiri fuori il fazzoletto, venga scambiato per un thug e cos via a catena.
Simpatica la presenza di Bat Batterton, imbranato e inutile come sempre; Zagor invece fortunato a trovare la grotta dei Thugs, ma per il resto i protagonisti si ammazzano tra loro.
Di questa storia ricorder sicuramente lo stivaletto malese! Laughing
Peccato che non sia stato tutto raccontato in pi albi; anche questa storia, come la successiva, soffre il confronto con le altre storie contemporanee.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 731

MessaggioInviato: Sab Apr 06, 2019 1:06 pm    Oggetto: Rispondi citando



LA DEA NERA

Testi: Guido Nolitta
Disegni: Franco Donatelli
Pagine: 120
Anno: 1969

Storiella non memorabile di Nolitta, un chiaro riempitivo dell'epoca, penalizzato dal confronto coi due gioielli tra cui incastrata (GLI EVASI e ZAGOR RACCONTA). Si lascia comunque leggere con scioltezza.

----------

PREGI:

Lo stile narrativo di Nolitta: fluido, scorrevole, semplice, in grado di rendere gradevoli anche storie fondate su un soggetto modesto come in questo caso.

Gli elementi presentati sono fascinosi e insoliti per un fumetto western. Ci sono rimandi alla cultura dell'India, una mitica setta di assassini (i THUGS), e una vendetta transoceanica con colpo di scena sulla vera identit del mandante (l'impianto "giallo" risulta invero un po' artificioso, per funzionale allo svolgimento della trama).

Gustosa la gag iniziale di Cico, in cui viene incoraggiato da Trampy a fare il galante con le donzelle per farsi offrire dei pasti...ma con risultati disastrosi.
Nell'occasione, Donatelli sfoggia il suo inimitabile "talento" nel ritrarre le bruttone. Questa da podio:


Bat Batterton, qui alla terza apparizione. Come al solito la sua presenza non serve a granch per lo sviluppo della trama, tuttavia i suoi siparietti con Cico sono sempre gradevoli.
In questo episodio risalta la sua gaffe iniziale, quando cerca di truccarsi da cinese sbagliando per il colore del lucido con cui si pittura la faccia.

Divertente (e inquietante allo stesso tempo) la scena in cui i thugs istruiscono un giovane allievo sulle corrette tecniche di strangolamento, usando Cico come cavia umana.


Tra le sequenze che rimangono impresse c' sicuramente quella della tortura di mister Lean con lo stivaletto malese, strumento originale quanto terribile.
A proposito di mister Lean, da notare il ribaltamento (tipicamente nolittiano) della sua presentazione iniziale: da onorevole soldato in congedo si rivela poi essere un volgare trafugatore di bottini di guerra.

Intensa la scena finale in cui Zagor sfoga la sua rabbia contro la statua di Kal.


----------

DIFETTI:

Nonostante il fascino degli elementi presentati, la vicenda li brucia in modo troppo rapido e approssimativo. A parit di elementi di base, in storie passate Nolitta ha dimostrato di saperli sfruttare in modo ben pi appassionante.

Abbastanza fuori luogo la "mezza gag" in cui Cico e Bat si allontanano dalla casa di mister Lean per...cercare un pollaio(Shocked), lasciandola del tutto incustodita e facendosi catturare dai thugs. Una dimostrazione di stupidit eccessiva persino per due pasticcioni come loro, dato che sapevano benissimo di trovarsi a rischio di un attacco. Brick wall

Molto forzato il finale, dove un thug a caso (tal Sandry) si vendica di Jason dopo averlo riconosciuto da un vecchio quadro "casualmente" appeso in quella stanza.
Una risoluzione un po' "buttata l", giusto per dare una conclusione alla vicenda. Pure se quel quadro fosse stato una fotografia, decisamente poco plausibile che Sandry uccida Jason solo in base a questo vago indizio, senza nemmeno scomodarsi a verificarlo. Think


----------

Storia: 6
Disegni: 7
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
wakopa
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 05/08/09 15:15
Messaggi: 16077

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2019 9:28 am    Oggetto: Rispondi citando

Ivan ha scritto:









mirabile interazione tra talento umoristico dell'autore e abilita' del disegnatore nel rendere la gestualita' Laughing
riderei ancora oggi ,se sapessero proporle, ma proprio non ce la fanno Sad
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 731

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2019 3:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

wakopa ha scritto:
Mirabile interazione tra talento umoristico dell'autore e abilit del disegnatore nel rendere la gestualit. Laughing

Vero. Del resto quasi tutti i disegnatori della vecchia scuola si rifacevano alla mimica del Teatro dell'Opera.
Per quanto riguarda Donatelli, nelle sue scene comiche ci trovo molte similarit con lo stile di Magnus, dove la gestualit e le espressioni erano iper-caricate (tecnica poco adatta per rappresentare invece le scene realistiche o drammatiche).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
cama69
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 10/01/04 12:41
Messaggi: 5196
Localit: Salerno

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2019 3:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi ritrovo perfettamente nell'analisi, sempre esaustiva, di Ivan sia nei pregi che nei difetti
_________________
Carmine Marrone
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
AAHHYAAAAK
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 14/03/16 00:55
Messaggi: 6580
Localit: Torino

MessaggioInviato: Dom Apr 07, 2019 4:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

@wakopa ha espresso una triste verit
_________________
Pensa come se non dovessi morire mai, vivi come se dovessi morire oggi.

S, confermo che ai miei occhi sarai sempre "quello che non legge e non riesce a capire i post degli altri". Buona giornata, non abbiamo altro da scriverci.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 731

MessaggioInviato: Lun Apr 08, 2019 2:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, Carmine. Gi che sei qui, vorrei riprendere questo tuo vecchio passaggio:
cama69 ha scritto:
Ho notato che l'abitazione del colonnello ha le finestre a piano terra di stile orientale senza chiusura. Allora mi sono chiesto: a che serviva il fatto che il colonnello chiudesse la porta con il chiavistello a doppia mandata, oppure che senso ha avuto per i Thugs abbattere la porta se potevano entrare tranquillamente dalle finestre a piano terra? Il povero colonnello era minacciato di morte e abitava in una casa che sembrava una gruviera, per in compenso aveva la porta con i chiavistelli. La cosa diventata ancora pi strana perch Zagor, dopo aver ascoltato i discorsi tra i due camerati inglesi, penetrato all'interno della casa proprio da una delle finistre a piano terra, quindi veramente quelle finestre permettevano a tutti di penetrare all'interno dell'abitazione.

Ahahah! Credo che solo tu, mitico Cama, potevi andare a beccare un particolare del genere, sebbene fosse sotto gli occhi di tutti... Very Happy
E comunque vero: come avere un ingresso composto solo dalla porta e dallo stipite, e intorno...il NULLA, come nei cartoni animati di Wilcoyote.
Rileggendo la storia tenendo a mente questo dettaglio, proprio una comica: Lean che chiude la porta con 150 chiavistelli, i thugs che si impegnano per sfondarla...e intanto dalle finestre ci potrebbe passare un esercito in autotreno. Mamma mia. Brick wall

Comunque credo che qui l'errore (se di "errore" vogliamo parlare) sia stato pi che altro di Donatelli, che pur rispettando l'indicazione di disegnare una casa in stile coloniale-britannico, non ha tenuto conto degli aspetti logistici della storia. Mettere delle inferriate non costava niente, ma vabbe'... Rolling Eyes
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
cama69
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 10/01/04 12:41
Messaggi: 5196
Localit: Salerno

MessaggioInviato: Lun Apr 08, 2019 5:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ivan ha scritto:
Comunque credo che qui l'errore (se di "errore" vogliamo parlare) sia stato pi che altro di Donatelli, che pur rispettando l'indicazione di disegnare una casa in stile coloniale-britannico, non ha tenuto conto degli aspetti logistici della storia. Mettere delle inferriate non costava niente, ma vabbe'... Rolling Eyes

Probabilmente andata come dici tu, comunque nonostante la mia sensibilit sugli aspetti che non seguono la logica della storia, in questo caso la cosa mi balzata subito agli occhi quando Zagor ad un certo punto entra dalla finestra senza problemi Very Happy Very Happy Very Happy
Questa mia sensibilit che si attiva se non tutto non torna nel rispetto della storia ti dovrebbe fa capire perch spessissimo sono a mio agio con le storie Burattini, ma a dire la verit sotto questo aspetto lo ero anche con Toninelli.
Pensa che avrei qualche piccola perplessit anche su qualche passaggetto di storie sacre come acque misteriose, il buono e il cattivo, arrivano i samurai, ma lasciamo stare.... Very Happy Very Happy Very Happy
_________________
Carmine Marrone
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Luciano Miranda
Zagoriano Junior
Zagoriano Junior


Registrato: 05/04/19 22:03
Messaggi: 45

MessaggioInviato: Lun Apr 08, 2019 9:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Beh, se mi e' consentito dire la mia, direi innanzitutto che anche io ho notato, molto spesso, le incongruenze e le facilonerie con le quali a volte Sergio Bonelli infarciva le sue storie, o chi per lui, in questo caso senz'altro il disegnatore.
Il fatto delle grandi finestre arcuate e tutte nude mi saltarono subito all' occhio, in quei lontanissimi primi anni '70, quando lessi la storia.
Ma io ho sempre soprassediuto, soprassedato, soprass...insomma ho cercato sempre di sorvolacchiare e di non farci caso piu' di tanto

Le incongruenze in fondo sono all' ordine del giorno e sono proprio insite ne l personaggio, sono evidentissime e sono sotto gli occhi di tutti!
Per esempio, ma chissenefrega se nelle sue continue evoluzioni zagoreske, la scure fa delle pericolose giravolte e rischia di ferirlo ad ogni secondo? E poi, come si puo' correre a perdifiato e balzare con due pesi "dolci" ai fianchi, come la pesante Remington a sinistra e quel pietrone appeso alla destra? Inoltre possibile che dopo la vita che fa, stenti, sole, acqua, vento, neve, etceterissima, sulla copertina e' sempre disegnato con una pelle talmente rosea e delicata da far invidia a Frida ?!? Anzi, ad Ylenia ! XD A rigor di logica, dovrebbe essere minimo arso dal sole, pieno di rughe di espressione intorno agli occhi, viso scavato, nerboruto al massimo e con la pelle degna di un indio. E non dimentichiamoci la barba, che a quell' epoca era una prerogativa generale.
E la famosa strnz...ehm, vaccata che, burattinariamente, pensa sempre "Prendo la via degli alberi". Ma quando mai...e che e 'una scimmia? E Posso capire i primi dieci anni e va bene, almeno un decennio dobbiamo darlo tra la prima avventura e l'ultima, ma dopo i 35 anni sfido chiunque fare quegli sforzi da ventenni. E poi quella era una cosa che andava bene negli anni sessanta. Alcune cretinate dovrebbero evolversi e scomparire, in questo secolo, come e 'successo in Tex, per quanto concerne alcuni aspetti ormai superati dal tiempo.
E Cico?!? Dopo 10 anni di quella vita, dovrebbe essere secco come un baccala', o perlomeno avvicinarglicisi,,,altro che il Cico Ferriano: un grassone che sarebbe morto d' infarto alla prima maratona impostagli da Zagor. E poi uno che mangia in continuazione e con quella portata dovrebbero inquadrarlo sempre accovacciato alla turca, ahahah, mentre espleta le sue funzioni fidiologiche, piu' fisiche che logiche XD
Almeno Donat lo disegna in maniera proporzionale alla bisogna...
Vabbeh, per altre incongruenze ci aggiorniamo. Adesso vado a vedere po' cosa si dice sul forum di Tecsviller...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
AAHHYAAAAK
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 14/03/16 00:55
Messaggi: 6580
Localit: Torino

MessaggioInviato: Mar Apr 09, 2019 7:03 am    Oggetto: Rispondi citando

Buongiorno, questo fumetto si chiama Zagor e se tigliamo tutto quello che hai scritto, cosa rimane?

Sulla questione finestre, dipende anche cosa scritto nella sceneggiatura: se si scrive di chiudere il chiavistello e poi lasciare le finestre aperte, il disegnatore che deve fare? Al massimo potrebbe obiettare e non neanche detto he non l'abbia fatto...
_________________
Pensa come se non dovessi morire mai, vivi come se dovessi morire oggi.

S, confermo che ai miei occhi sarai sempre "quello che non legge e non riesce a capire i post degli altri". Buona giornata, non abbiamo altro da scriverci.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Spiritello senza scure
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 28/08/12 07:45
Messaggi: 8368
Localit: Vinegia

MessaggioInviato: Mar Apr 09, 2019 7:56 am    Oggetto: Rispondi citando

Pi che un elenco delle incongruenze, quella di Luciano Miranda mi sembra un perculamento totale del personaggio "Zagor"... Shocked Rolling Eyes Very Happy
_________________
...E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica.

...La felicit non di questo mondo. Tutto quello che possiamo fare cercare di essere felici facendone a meno.

Nulla di veramente grande mai stato fatto senza passione.

A chi vede sempre il bicchiere mezzo vuoto consiglio di travasare tutto in uno pi piccolo e di non rompere i coglioni

Allorch, esaurito ogni motivo di rivolta, non si sa pi contro cosa insorgere si presi da una tale vertigine che si darebbe la vita in cambio di un pregiudizio
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 731

MessaggioInviato: Mar Apr 09, 2019 3:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

cama69 ha scritto:
Pensa che avrei qualche piccola perplessit anche su qualche passaggetto di storie sacre come acque misteriose, il buono e il cattivo, arrivano i samurai, ma lasciamo stare...

Eh, come se non le conoscessimo a memoria, ormai... Very Happy
Il piano cretino di Weiser...Il notaio teletrasportato nel deserto...I cervelli a mandorla che vanno alla carica armati di spade contro dei fucili in campo aperto... Brick wall

Ma sai com', Cama...Ciascun lettore ha dei punti a cui pi sensibile.
Per esempio, a me incongruenze come quelle sopracitate oppure le finestre-ingresso del presente episodio, non danno poi tanto fastidio.
A darmi fastidio sono piuttosto i comportamenti illogici o supereroistici, oppure i dialoghi innaturali, o la mancanza di fedelt al modello di Zagor delineato da Nolitta.
La mia impressione che le storie attuali potrebbero essere valide per un qualsiasi altro personaggio SBE; vengono cucite addosso a Zagor con un minimo di adattamento agli stilemi della collana, per non sembrano scritte apposta "per" Zagor. E' per questo che a volte risulta uno Zagor senz'anima. Certo; ha sempre la scure e la casacca rossa, ma del "vero" Zagor lo Zagor di Nolitta ha ben poco d'altro.

Insomma, da parte mia continuo a preferire storie mediocri di Nolitta (come appunto LA DEA NERA) piuttosto che storie discrete dell'ultima generazione (e anche quelle le conto sulle dita di una mano).Think


Luciano Miranda ha scritto:
Anche io ho notato, molto spesso, le incongruenze e le facilonerie con le quali a volte Sergio Bonelli infarciva le sue storie.[...]
Le incongruenze in fondo sono all'ordine del giorno e sono proprio insite nel personaggio, sono evidentissime e sono sotto gli occhi di tutti [...]

Beh, caro Luciano, stiamo pur sempre parlando di opere di FANTASIA, che per definizione devono sconfinare nell'irrealistico. Fin qui nulla di strano.
A fare la differenza, il grado di Sospensione dell'Incredulit che siamo disposti a concedere ad un determinato prodotto di narrativa (fumetto, libro, film, etc). Questo patto va stipulato in anticipo.

Ad esempio: su Zagor viene subito dichiarato "Qui ci sono liane in America e pistole a tamburo nel 1830", e io posso rispondere "Ok, accetto" oppure "Che scemenze, questo fumetto non fa per me". Se accetto, so che su Zagor non dovr considerare la presenza di liane e revolver come delle incongruenze. Fin qui tutto regolare.

La cosa cambia un po' quando il patto iniziale subisce modifiche unilaterali in corso d'opera, e io mi ritrovo uno Zagor investigatore/erudito/stregone/donnaiolo/autotelecronista, nonch evocatore di wendighi a piacimento. Shocked
A questo punto il patto salta, e come cliente (prima ancora che come lettore) ho il diritto di chiedere il ripristino del prodotto originario o di smettere di comprarlo.
Gli alibi "Nolitta non c' pi", "Il personaggio si evoluto col tempo", "Abbiamo adattato la collana ai gusti dei giovani moderni", sono solo delle SCUSE per farmi accettare uno Zagor svilito, pi facile da scrivere. Spiacente, ma io non ci sto. Nella mia fumettoteca non ce le voglio robe come BERSAGLIO BAT BATTERTON, NON UMANI e LA MINACCIA DEI MORB sullo stesso scaffale di OCEANO, KANDRAX e ANGOSCIA. E che, scherziamo? Not talking


A parte questo, hai ragione nel dire che anche con le storie di Nolitta si pu fare un bell'elenco di sviste e incongruenze...per lui non hai mai tradito il patto coi lettori: lo Zagor di Nolitta rimasto sempre "lo Zagor di Nolitta" anche quando lo ha connotato in modo leggermente diverso.

Inoltre, il Sergione aveva uno stile narratorio cos suadente che induceva a sorvolare su eventuali lacune della trama.
Gli autori successivi, purtroppo, non hanno uno stile narratorio altrettanto "ipnotico", cosicch i loro errori quando ci sono saltano all'occhio in modo molto pi marcato (persino quando sono meno gravi di quelli di Nolitta).

Prendiamo ad esempio l'assurdit del fatto che Cico e Bat abbandonino il loro posto di guardia solo per cercare un pollaio: in questo episodio non appare una cosa cos grave...ma se una sequenza del genere fosse contenuta in una storia di Mignacco, il forum si riempirebbe di peste & corna all'indirizzo dell'autore.

Ora chiedo: onestamente possiamo dire che questa differenza di trattamento sulla STESSA inverosimiglianza dovuta solo ad una sorta di benevolenza accordata a priori verso Nolitta...oppure alla base c' un ALTRO motivo?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Commenti sulle storie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 5 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group