Indice del forum www.spiritoconlascure.it
Il Forum di Za-gor Te-nay
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
Indice del forum

        
*** FINO A VENERDI' 23/07, SU CATAWIKI, E' ATTIVA ASTA (SENZA PREZZO RISERVA) MATERIALE DI ZAGOR E TEX - I nostri forumisti, in caso di acquisto, potranno usufruire di un Voucher!! Vedere il topic nella sezione IL FUMETTO DA COLLEZIONE - IL LINK E' QUI SOTTO, A SINISTRA ***


Asta CATAWIKI Tex e Zagor
Indian Circus (n. 84)
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Commenti sulle storie
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Kramer76
TOP PLAYER


Registrato: 24/06/09 11:24
Messaggi: 16882

MessaggioInviato: Mar Ott 28, 2014 1:01 pm    Oggetto: Rispondi citando



indian circus
numero 84, testi nolitta, disegni ferri
miracoloso albo autoconclusivo, c' tutto, il razzismo del "collezionista", l'indignazione di zagor, la fierezza di tonka, il sacrificio di falco rosso
disegni eccellenti, colori accesi, talvolta strambi (cico azzurro), forse inferiori a quelli che si possono fare oggi, per hanno il loro fascino vintage
bellissimo ad esempio l'intermezzo "bucolico" con la fonte d'acqua frequentata dagli animali e l'arrivo del giaguaro...
copertina da poster, bellissima, peccato quel bollino rosso gigantesco...

voto 9+


Ultima modifica di Kramer76 il Gio Ott 21, 2021 8:13 am, modificato 7 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Esploratore Scomparso
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 06/05/05 10:40
Messaggi: 836
Localit: Passaggio a Nord-Ovest

MessaggioInviato: Mer Ago 01, 2018 5:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

l'ho finito di rileggere per l'ennesima volta ieri... stato il mio secondo Zagor dopo "La corsa delle sette frecce".
Storia sempre bella e rappresentativa del pensiero di Zagor, molto evocativa la sequenza notturna nella foresta, secondo me la parte migliore.
Purtroppo un po' affrettata nel finale.. ovviamente con un maggior numero di pagine credo sarebbe stata un capolavoro, ma come numero "festivo" ottimo.
Benissimo anche il colore!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
AAHHYAAAAK
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 14/03/16 00:55
Messaggi: 14287
Localit: Torino

MessaggioInviato: Gio Ago 02, 2018 12:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Quoto
_________________
Il milite ignaro dichiara guerra agli Illuminati

Pensa come se non dovessi morire mai, vivi come se dovessi morire oggi.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Magico Vento
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 07/04/21 20:14
Messaggi: 675
Localit: Blizzard

MessaggioInviato: Lun Apr 19, 2021 8:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Ottima storia autoconclusiva a colori, che d idealmente il via alla Golden Age Zagoriana.
La storia abbastanza semplice, perch limitata dal basso numero di pagine, per , appunto, molto bella. Ottima l'idea da cui la storia parte: un folle ha creato un circo, in cui non vengono esposti animali, ma bens nativi americani. Le scene epiche e memorabili che mi hanno assai colpito sono parecchie: Zagor che, assistendo impotente al circo, pensa: "Delle foche ammaestrate! Sono diventati delle foche ammaestrate"; la scena in cui Tonka, sentendo le risa e le parole di scherno, si infuria e inizia a sventolare le catene sul pubblico; Tonka che, fustigato, avvisa il suo aguzzino che dovr frustarlo fino alla morte, perch, se lo lasciasse in vita, lo avrebbe ucciso; infine, il tragico sacrificio di Falco Rosso, alquanto drammatico e toccante. Bellissimo anche il finale: "A Darkwood, fratelli rossi!".
Inutile commentare i disegni del Maestro Ferri: perfetti. Ottima anche la colorazione vintage.
Copertina bellissima, se non fosse per lo sfondo bianco.

Soggetto/Sceneggiatura: 8,8
Disegni: 10
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Angelo1961
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 02/03/12 13:21
Messaggi: 16005
Localit: Udin

MessaggioInviato: Lun Apr 19, 2021 9:49 am    Oggetto: Rispondi citando

il primo color non si corda mai
9,5
9,5
_________________
DAL GIUGNO 1970 ININTERROTTAMENTE LETTORE DI ZAGOR!
Incubi e' una storia per zagoriani radical chic (Wakopa)

Simon: "Da vinciamo senza rubare a RUBIAMO SENZA VINCERE!!!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 985

MessaggioInviato: Gio Ago 04, 2022 10:55 pm    Oggetto: Rispondi citando



INDIAN CIRCUS

Testi: Guido Nolitta
Disegni: Gallieno Ferri
Pagine: 94
Anno: 1971


Primo numero a colori della collana, pur senza essere motivato da una speciale ricorrenza.
Volendo, lo si pu considerare anche il primo episodio "non ufficiale" della Golden Age (dal punto di vista qualitativo potrebbe rientrarci...per ritengo appropriato che la Golden Age, convenzionalmente, sia considerata aperta da una super-storia come ANGOSCIA).

----------

PREGI:

Come nella maggior parte delle storie di Nolitta, il soggetto di base molto semplice:
Un ex ufficiale dell'esercito rapisce vari pellerossa per poi esibirli in un bizzarro circo, in modo da dimostrare ai cittadini della East Coast che i temibili indiani sono in realt addomesticabili come cagnolini.
Uno spunto molto elementare, neppure tanto originale (l'idea probabilmente ispirata al famoso Circo del West di Buffalo Bill), ma sufficiente per creare una storia gustosa grazie alle doti narrative di Sergio Bonelli. Infatti non servono soggettoni iper-articolati per costruire una storia ricca di pathos; basta saper cucinare bene i pochi ingredienti a disposizione. Qui sta la bravura degli chef di razza.

A dimostrazione di quanto sopra, prendiamo la scena in cui Zagor viene lasciato legato nella radura dopo il rapimento di Tonka: in teoria sarebbe bastata una paginetta per mostrare Zagor che si libera tagliando le corde su una pietra appuntita...invece il Sergione dilata questa sequenza per ben 8 pagine, mostrando gli inutili sforzi di Zagor per liberarsi, la tensione del prigioniero, il rischio di venire aggredito da animali feroci, ed infine fa risolvere il problema tramite una spassosa gag di Cico.

Dal punto di vista meramente narrativo tutto materiale "di contorno", superfluo, decurtabile...eppure il suo svolgimento coinvolgente, trascina il lettore all'interno della scena rappresentata. In tal senso non c' una vignetta di troppo.
Bene; proviamo ora a fare il paragone tra questo metodo espositivo e quello di certe storie moderne che "vanno dritte al sodo" presentando solo le sequenze utili al progredire della trama: secondo me il motivo per cui Nolitta cos rimpianto dai vecchi zagoriani emerge in maniera palese.

L'antagonista di turno Rod Mac Carty, detto "Il Collezionista". Per una volta Nolitta presenta una canaglia a tutto tondo, senza nessuna sfumatura "buona" che possa ispirare empatia col personaggio. E in questa particolare storia ci sta bene anche un malvagio-malvagio e basta, in stile Raskin.


Come sempre, Cico ottimamente usato da Nolitta. A margine delle consuete gag comiche, qui il messicano attivo anche per gli sviluppi della trama "seria".
Spicca la sua assunzione come stalliere del circo per far entrare Zagor nel tendone usando un carretto di fieno come "Cavallo di Troia".

Da notare che, durante il primo spettacolo dell'Indian Circus, sia lui che Zagor si trattengono a turno dal reagire con rabbia a ci a cui stanno assistendo.

Questo un Cico perfettamente complementare a Zagor. Si pu affermare che senza l'apporto di Cico non sarebbe mai esistito quell'incantevole equilibrio tra Dramma & Commedia che rendevano cos affascinanti le storie dello Zagor di Nolitta.
E' un peccato che la maggior parte degli autori moderni lo considerino "una palla al piede da accantonare il pi possibile", invece che "una risorsa aggiunta" come lo era di fatto durante la gestione Nolitta. E le differenze di fascino tra le storie dello Zagor classico e quelle dello Zagor attuale si notano in maniera impietosa, purtroppo. Sad

Suggestiva la reazione dei pellerossa prigionieri durante il primo tentativo (poi fallito) di Zagor per liberarli. Solo alcuni sono disposti a combattere per la propria libert; molti altri, per varie ragioni, preferiscono rimanere in stato di sottomissione.


La seconda incursione di Zagor nel circo ha successo...solo a met. Nel senso che riesce a liberare gli indiani prigionieri, ma rimangono poi assediati all'interno del tendone dagli sgherri di Mac Carty. La situazione viene sbloccata da un coraggioso sakem, che compie una sortita-suicida riuscendo ad uccidere il Collezionista prima di essere a sua volta abbattuto dai fucili dei guardiani.


Con la morte di Mac Carty, si spengono anche tutte le velleit aggressive dei suoi uomini. I rivoltosi possono cos tornare ai loro villaggi, in un finale positivista che in questo caso non stona.


----------

DIFETTI:

Nel finale, quando Zagor e gli indiani sono assediati all'interno del tendone, l'unico modo per uscire da quella situazione disperata sarebbe di uccidere Mac Carty...ma questo risultato sarebbe ottenibile solo tramite un'azione suicida. Se ne incarica uno dei prigionieri tal Falco Rosso che in effetti riesce nell'impresa pur sapendo bene che quel gesto coraggioso gli sarebbe costato la vita.
Tutto perfetto...tranne che a parer mio il sacrificio di Falco Rosso manca di epicit, per il fatto di essere stato compiuto da un personaggio totalmente anonimo.
Per ci che si visto, infatti, Falco Rosso solo un indiano scelto a caso fra il gruppo dei tanti indiani rapiti, poteva essere chiunque altro. Risulta quindi troppo poco familiare al lettore per suscitarne la partecipazione emotiva per la sua eroica morte. Sarebbe stato meglio che in precedenza Nolitta avesse dedicato qualche sequenza alla definizione di questo personaggio, in modo che il suo sacrificio finale coinvolgesse il lettore sul piano affettivo...ma cos posso solo pensare "E' morto da eroe un tizio qualunque", la sua morte non mi dice granch. Think

Manca il confronto "ideologico" tra Zagor e Mac Carty.
Quando i due nemici si trovano faccia a faccia nel carrozzone, ci si sarebbe aspettati che Zagor rinfacciasse a Mac Carty la disumanit delle sue azioni...invece si limita a trattarlo solo come un comune ostaggio.

Ok, nessuno si illude che Mac Carty si sarebbe ravveduto solo per un discorsetto...per almeno fargli un severo rimprovero rientra nella filosofia del personaggio Zagor (come avvenuto con Hellingen, Verybad, Minamoto, Raskin, o il professor Lookford), se non altro per conferire maggior risalto al contrasto ideologico tra i due avversari.

----------

DISEGNI:
Parere personale, ma trovo che il colore penalizzi un po' il segno di Ferri, che possiede tridimensionalit gi di suo anche solo in B/N.
Qui comunque abbiamo una colorazione tenue, non invasiva, con gradevoli sfumature acquarellate. Un buon risultato, in definitiva.

----------

Storia: 8
Disegni: 9,5
Colori: 9


Ultima modifica di Ivan il Lun Ago 15, 2022 8:56 am, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
wakopa
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 05/08/09 15:15
Messaggi: 19768

MessaggioInviato: Ven Ago 05, 2022 8:24 am    Oggetto: Rispondi citando

Ivan ha scritto:

Tutto perfetto...tranne che a parer mio il sacrificio di Falco Rosso manca di epicit, per il fatto di essere stato compiuto da un personaggio totalmente anonimo.
Per ci che si visto, infatti, Falco Rosso solo un indiano scelto a caso fra il gruppo dei tanti indiani rapiti, poteva essere chiunque altro. Risulta quindi troppo poco familiare al lettore per suscitarne la partecipazione emotiva per la sua eroica morte.


sai che non sono d'accordo ? Very Happy
Ogni indiano rappresentava una tribu' e Falco rosso era il capo dei sioux ,io da bambino ci rimasi malissimo altroche' Sad
per ribadire ancora una volta che quel demonio di Nolitta da bambini ci amareggiava e ora che siamo attempati ci dobbiamo sorbire 3 mesi delle bambinate di Golnor Brick wall Laughing
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
simon
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 09/05/04 13:01
Messaggi: 11525
Localit: Medvlvm

MessaggioInviato: Ven Ago 05, 2022 8:43 am    Oggetto: Rispondi citando

wakopa ha scritto:

per ribadire ancora una volta che quel demonio di Nolitta da bambini ci amareggiava e ora che siamo attempati ci dobbiamo sorbire 3 mesi delle bambinate di Golnor Brick wall Laughing


finaccia, a ben pensarci Laughing Sad
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ElEmperador
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 21/12/03 01:26
Messaggi: 10971
Localit: Istanbul

MessaggioInviato: Ven Ago 05, 2022 8:51 am    Oggetto: Rispondi citando

wakopa ha scritto:
Ivan ha scritto:

Tutto perfetto...tranne che a parer mio il sacrificio di Falco Rosso manca di epicit, per il fatto di essere stato compiuto da un personaggio totalmente anonimo.
Per ci che si visto, infatti, Falco Rosso solo un indiano scelto a caso fra il gruppo dei tanti indiani rapiti, poteva essere chiunque altro. Risulta quindi troppo poco familiare al lettore per suscitarne la partecipazione emotiva per la sua eroica morte.


sai che non sono d'accordo ? Very Happy
Ogni indiano rappresentava una tribu' e Falco rosso era il capo dei sioux ,io da bambino ci rimasi malissimo altroche' Sad


Me too indeedI hoped that he could be safe in one way and was very sad yhat he was dead. I was also angry with those indians who were reluctants to join Zagor and also a little bit disappointed with them.
Anyhow, plenty of emotions in a story of less than 100 pages and a final enthusiasm with the victory of the revolt.
To Darwood! Says Zagor land of liberty
The real Darkwood
Ps: very good comments generally Ivan, but I must add that the indians can not go back to their villages because to far, for this they all go to Darkwood
_________________
E M P

https://share.icloud.com/photos/05pGIztDv008xiXfWKbzW4wFw
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Walter Maddenbrook
Zagoriano Super
Zagoriano Super


Registrato: 17/11/03 14:25
Messaggi: 4722
Localit: Massa

MessaggioInviato: Ven Ago 05, 2022 8:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Come sempre grandi applausi e grande goduria nel leggere le sapienti recensioni di Ivan.Applause Applause Applause

Quoto soprattutto questo passaggio che sposo totalmente:
Ivan ha scritto:
Bene; proviamo ora a fare il paragone tra questo metodo espositivo e quello di certe storie moderne che "vanno dritte al sodo" presentando solo le sequenze utili al progredire della trama: secondo me il motivo per cui Nolitta cos rimpianto dai vecchi zagoriani emerge in maniera palese.
thumbup
_________________
"Ahh, m te ne pidjh' pi sol' che Paperino, ma anc'.... Sagr!"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
MarioCX
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 21/03/05 13:13
Messaggi: 1800
Localit: Savona

MessaggioInviato: Ven Ago 05, 2022 8:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Certo, la poetica nolittiana ci che faceva la differenza tra Zagor e tutti i suoi contemporanei.
Quanta energia poetica negli animali che all'imbrunire raggiungono i ruscelli per abbeverarsi...le descrizioni del bosco e dei suoi abitanti erano un tratto narrativo ricorrente senza il quale Zagor non sarebbe stato Zagor, ma un'imitazione tirata via, svuotata della sua anima pi profonda.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato HomePage
Ivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/05/14 21:04
Messaggi: 985

MessaggioInviato: Mar Ago 09, 2022 5:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

ElEmperador ha scritto:
wakopa ha scritto:
Sai che non sono d'accordo? Io da bambino ci rimasi malissimo altroche'.

Me too indeed...I hoped that he could be safe in one way and was very sad yhat he was dead.

Infatti ho scritto che la scena perfetta... solo che il suo protagonista non mi coinvolge molto, poich non era mai stato presentato prima.
Proviamo a pensare a quanto quella scena sarebbe risultata ancor pi intensa se questo "Falco Rosso", invece di essere un emerito sconosciuto, fosse stato ad esempio presentato in precedenza come uno degli indiani pi riluttanti a ribellarsi, e nel finale con quell'eroico gesto riscatta il proprio onore perduto.
Insomma, se non vogliamo considerarlo proprio un "difetto" della storia, parlerei di una "miglioria mancata". Rolling Eyes


ElEmperador ha scritto:
...I must add that the indians can not go back to their villages because to far, for this they all go to Darkwood...

Of course Eren, in fact Zagor said it in the picture below my comment (I forget that often you can't see the images in this forum Rolling Eyes). Darkwood or villages doesn't matter; they now walk free towards a new hope of peace between Red and White people.


A little note about it (I'll write in italian, sorry)
Noi lettori sappiamo bene che la Storia Reale ha decretato il fallimento degli ideali di Zagor: nella realt i Bianchi e i Nativi non hanno mai raggiunto un accordo di pacifica convivenza, e alla fine il popolo pellerossa stato annientato quasi completamente.
Tuttavia, il microcosmo di Zagor scollegato dalla Storia Reale; si tratta di un passato immaginario, ucronico, un "What if" in cui possono accadere fatti di finzione senza che nessun lettore debba rilevarli come "storicamente inaccurati" (a differenza di quelli rappresentati su TEX, ad esempio).
In questo universo fittizio esiste ancora la possibilit che i Bianchi e i Nativi arrivino a convivere pacificamente, e ci d un senso agli sforzi di Zagor.

Per questo sono contrario all'operazione (in corso negli ultimi anni) di rendere il fumetto Zagor sempre pi conforme alla realt storica, connotandolo di date precise, luoghi documentati e personaggi realmente esistiti. Nolitta non lo ha creato cos; gli anacronismi e le contraddizioni storiche non erano "errori", ma solo elementi che permettevano di spaziare con la fantasia senza attenersi ai rigidi vincoli del realismo puro.
Cos Zagor non incontra Buffalo Bill e il suo Wild West Show, bens l'inesistente Rod Mac Carty e il suo (altrettanto inesistente) Indian Circus;
non incontra il capo storico dei seminoles Osceola, bens il suo corrispettivo immaginario Manetola;
in Ora Zero non parla col presidente Jackson, bens con un "presidente" generico della imprecisata epoca in cui si svolgono le avventure di Zagor;
non incontra il colonnello Chivington al Sand Creek, bens il maggiore Raskin al Sandy River...
...e cos via. Tutto in linea con lo spirito ucronico della collana. E fin qui tutto OK.

Ma se su Zagor compaiono i VERI Poe, Darwin, Stevenson etc...allora quel mondo fittizio crolla. Poich a questo punto devo necessariamente considerare come "errori" tutti gli anacronismi e le inesattezze storiche apparse in precedenza. In questo modo Zagor non pi un eroe idealizzato, ma un personaggio che si muove nel passato del mondo che conosco, il mondo reale. Think
Quindi, paradossalmente, pi si cerca di conformare Zagor al realismo storico, pi le sue storie appaiono irrealistiche, non credibili. Viene a mancare quell'anima "sognatrice" che caratterizzava le storie di Nolitta, quella che mi permetteva di credere in un mondo in cui i crimini commessi nella Storia Reale potevano ancora venire corretti, cosicch i Bianchi e i Nativi potrebbero finalmente arrivare a convivere in pace grazie anche agli sforzi di un coraggioso boscaiolo in casacca rossa.

Senza quest'anima sognatrice, non riconosco pi lo Zagor che avevo amato. Ok, ha ancora lo stesso nome e la casacca rossa, ma nell'essenza diventato qualcosa di molto diverso. Emozionalmente un pupazzo di plastica, ed editorialmente solo un banale fumetto d'avventura come tanti altri, senza (o meglio, senza pi) qualit di spicco. Non lo ricordo affatto cos. E devo necessariamente chiedermi perch. Think


Walter Maddenbrook ha scritto:
...Quoto soprattutto questo passaggio che sposo totalmente:
Ivan ha scritto:
Proviamo ora a fare il paragone tra questo metodo espositivo e quello di certe storie moderne che "vanno dritte al sodo" presentando solo le sequenze utili al progredire della trama: secondo me il motivo per cui Nolitta cos rimpianto dai vecchi zagoriani emerge in maniera palese.

Beh, non l'ho scritto perch lo davo per scontato, per anche nelle storie attuali ci sono scampoli di zagorianit classica, ed autori che cercano di rispettare la nolittianit; il problema che essa appare troppo "a singhiozzo" (diciamo in 1 storia ogni 6-7 prodotte; troppo poco per creare fidelizzazione attorno alla collana, o per giustificare l'acquisto a scatola chiusa di TUTTI gli albi).
Pensa invece alla Golden Age: a quell'epoca potevi comprare un albo di Zagor ed essere sicuro gi in anticipo che non saresti rimasto deluso dell'acquisto...Ma oggi? Scovare una storia appena decente come giocare alla roulette russa con 5 colpi nel tamburo. Pray


No, per quanto mi riguarda questo modo di produrre il fumetto Zagor non merita di essere incoraggiato sostenendolo economicamente. Zagor avrebbe ancora la possibilit di tornare quello che stato ai tempi di Nolitta, ma PRIMA devono cambiare molte cose a monte, nella mentalit di chi lo produce. Un editore/curatore/autore non pu rifilarmi roba come Kandrax o Golnor e credere veramente che io, lettore veterano, sia poi soddisfatto dell'acquisto. Significa avere le idee ben poco chiare su ci che uno zagoriano storico si aspetta di trovare quando compra un albo di Zagor in edicola. E a quel punto, piuttosto che rischiare quasi sicure delusioni con gli inediti, preferisco rileggermi 10 volte una Indian Circus; almeno so con certezza che alla fine della lettura il mio tempo sar stato ben speso (e che la mia bile non avr avuto un travaso).


MarioCX ha scritto:
Certo, la poetica nolittiana ci che faceva la differenza tra Zagor e tutti i suoi contemporanei. Quanta energia poetica negli animali che all'imbrunire raggiungono i ruscelli per abbeverarsi...le descrizioni del bosco e dei suoi abitanti erano un tratto narrativo ricorrente senza il quale Zagor non sarebbe stato Zagor, ma un'imitazione tirata via, svuotata della sua anima pi profonda.

Sic et simpliciter. Applause


Ultima modifica di Ivan il Lun Ago 15, 2022 9:18 am, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ElEmperador
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 21/12/03 01:26
Messaggi: 10971
Localit: Istanbul

MessaggioInviato: Mar Ago 09, 2022 6:27 pm    Oggetto: Rispondi citando

Dear Ivan, thank you for your kind answers.
But as you know you can write all in Italian please.
_________________
E M P

https://share.icloud.com/photos/05pGIztDv008xiXfWKbzW4wFw
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ElEmperador
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 21/12/03 01:26
Messaggi: 10971
Localit: Istanbul

MessaggioInviato: Mar Ago 09, 2022 6:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

and of course what splendid words indeed Applause Applause Applause
Yes I dint see the images and maybe subconsciously I mentionned the real Darkwood
You explained all very clearly and wonderfully
_________________
E M P

https://share.icloud.com/photos/05pGIztDv008xiXfWKbzW4wFw
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Doc Lester 1975
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 16/11/15 23:07
Messaggi: 6886
Localit: Foligno

MessaggioInviato: Mer Ago 10, 2022 1:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ivan ha scritto:

Noi lettori sappiamo bene che la Storia Reale ha decretato il fallimento degli ideali di Zagor: nella realt i Bianchi e i Nativi non hanno mai raggiunto un accordo di pacifica convivenza, e alla fine il popolo pellerossa stato annientato quasi completamente.
Tuttavia, il microcosmo di Zagor scollegato dalla Storia Reale; si tratta di un passato immaginario, ucronico, un "What if" in cui possono accadere fatti di finzione senza che nessun lettore debba rilevarli come "storicamente inaccurati" (a differenza di quelli rappresentati su TEX, ad esempio).
In questo universo fittizio esiste ancora la possibilit che i Bianchi e i Nativi arrivino a convivere pacificamente, e ci d un senso agli sforzi di Zagor.

Per questo sono contrario all'operazione (in corso negli ultimi anni) di rendere il fumetto Zagor sempre pi conforme alla realt storica, connotandolo di date precise, luoghi documentati e personaggi realmente esistiti. Nolitta non lo ha creato cos; gli anacronismi e le contraddizioni storiche non erano "errori", ma solo elementi che permettevano di spaziare con la fantasia senza attenersi ai rigidi vincoli del realismo puro.
Cos Zagor non incontra Buffalo Bill e il suo Wild West Show, bens l'inesistente Rod Mac Carty e il suo (altrettanto inesistente) Indian Circus;
non incontra il capo storico dei seminoles Osceola, bens il suo corrispettivo immaginario Manetola;
in Ora Zero non parla col presidente Jackson, bens con un "presidente" generico della imprecisata epoca in cui si svolgono le avventure di Zagor;
non incontra il colonnello Chivington al Sand Creek, bens il maggiore Raskin al Sandy River...
...e cos via. Tutto in linea con lo spirito ucronico della collana. E fin qui tutto OK.

Ma se su Zagor compaiono i VERI Poe, Darwin, Stevenson etc...allora quel mondo fittizio crolla. Poich a questo punto devo necessariamente considerare come "errori" tutti gli anacronismi e le inesattezze storiche apparse in precedenza. Non pi "Zagor", ma un personaggio che si muove nel mondo che conosco, il mondo reale. Think
Quindi, paradossalmente, pi si cerca di conformare Zagor al realismo storico, pi le sue storie appaiono irrealistiche, non credibili. Viene a mancare quell'anima "sognatrice" che caratterizzava le storie di Nolitta, quella che mi permetteva di credere in un mondo in cui i crimini commessi nella Storia Reale potevano ancora venire corretti, cosicch i Bianchi e i Nativi potrebbero finalmente arrivare a convivere in pace grazie anche agli sforzi di un coraggioso boscaiolo in casacca rossa.

Senza quest'anima sognatrice, non riconosco pi lo Zagor che avevo amato. Ok, ha ancora lo stesso nome e la casacca rossa, ma nell'essenza diventato qualcosa di molto diverso. Emozionalmente un manichino di plastica, ed editorialmente solo un banale fumetto come tanti altri, senza qualit di spicco. Non lo ricordo affatto cos. E devo necessariamente chiedermi perch. Think


Post da brividi, Ivan.
Grazie perch mi fai sentire capito come lettore zagoriano.
Applause Applause Applause Applause Applause Applause Applause
_________________
Simone - Io di tennis capisco pi di Kit Teller Wink
Luca Barbieri ha scritto:
Sergio Bonelli ha sempre prestato estrema attenzione alla plausibilit degli avvenimenti, base fondante di una convincente "sospensione dell'incredulit". Nolitta ha ben chiaro in testa che le storie di Zagor devono essere sempre verosimili e solide, con i piedi radicati per terra, nonostante l'ambientazione sia aperta alla pi sfrenata fantasia.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Commenti sulle storie Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Successivo
Pagina 9 di 10

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group