Indice del forum www.spiritoconlascure.it
Il Forum di Za-gor Te-nay
 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 
Indice del forum

        
*** NELLA NOTTE DEL 23 APRILE 2020, E' TRAGICAMENTE SCOMPARSO, ANDREW CAIN - UN CARO FORUMISTA MA SOPRATUTTO UN GRANDE AMICO... CI MANCHERAI; MARCO***


La sesta centuria zagoriana , 501-600
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Consiglio di primavera
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
AAHHYAAAAK
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 14/03/16 00:55
Messaggi: 9744
Localit: Torino

MessaggioInviato: Mar Gen 31, 2017 3:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Laughing
_________________
Pensa come se non dovessi morire mai, vivi come se dovessi morire oggi.

S, confermo che ai miei occhi sarai sempre "quello che non legge e non riesce a capire i post degli altri". Buona giornata, non abbiamo altro da scriverci.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Angelo1961
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 02/03/12 13:21
Messaggi: 13504
Localit: Udin

MessaggioInviato: Mar Gen 31, 2017 11:23 am    Oggetto: Rispondi citando

il giorno dell'invasione voto 6,5

tamburi nella notte voto 9

lo zoo di kaufman voto 6

la rivolta voto 5,5

vendetta trasversale voto 6

il signore dell'isola voto 4

antartica voto 7,5

terra del fuoco voto 7

sotto il cielo del sud voto 6

la profezia voto 3

il mondo perduto voto 7,5

sertao voto 7

l'armata dei folli voto 7

piranhas voto 6

labirinto verde voto 2

cuzco voto 6,5

pacifico voto 8

alligator bayou voto 6,5

il dio della polvere voto 7

lo scrigno di manito voto 5

a volte ritornano voto 6

il grande torneo voto 4,5

uomini senza legge voto 4

l'orrore sepolto voto 1


lo specchio nero voto 5,5

il morso del serpente voto 4

alla ricerca di zagor voto 5

buio rosso sangue voto 9

ombre nella foresta voto 5

dove volano gli avvoltoi voto 4

fermate il boia voto 5

le nere ali della notte voto 9,5

tropico del cancro voto 6,5

il signore delle tenebre voto 9


fino all'ultimo respiro voto 7

senza piet voto 5

l'orda infernale voto 5

il prezzo del tradimento voto 6,5

la morte sospesa voto 7,5

i guerrieri della notte voto 5

la valle misteriosa voto 5
_________________
DAL GIUGNO 1970 ININTERROTTAMENTE LETTORE DI ZAGOR!
Incubi e' una storia per zagoriani radical chic (Wakopa)

Le giustificazioni degli juventini: "Maanchelinter"
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Wolfenstein1976
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 13/07/16 12:24
Messaggi: 1516

MessaggioInviato: Mar Gen 31, 2017 3:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

Shocked
_________________
Mirko
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Thunderman
Evangelista del verbo nizziano
Evangelista del verbo nizziano


Registrato: 16/01/09 15:21
Messaggi: 21699
Localit: Repubblica delle banane

MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2017 1:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

La valle misteriosa 7

I guerrieri della notte 8

Il gigante di pietra 9

I lupi del fiume 8

Sangue Mohawk 8

Hawak il crudele 8

Pleasant Point 8

Le nere ali della notte 8

Un capestro per Gambit 7

Ombre nella foresta 7

Plenilunio 9

Alla ricerca di Zagor 7

L'orrore sepolto 7

Il villaggio della follia 8

A volte ritornano 8

Lo scettro di Tin-Hinan 8

Nel regno dei Cajun 8

Pacifico 7

La mummia delle Ande 8,5

Sangue su Bahia 8

Sertao 6

Il mondo perduto 9

La profezia 7

Terra del fuoco 7

Antartica 9

Vendetta trasversale 9

La rivolta 9

Lo zoo di Kaufman 9

Tamburi nella notte 7

Il giorno dell'invasione 8
_________________
Lo faceva anche Nolitta
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
bimbosullivan
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 05/01/13 10:45
Messaggi: 1787

MessaggioInviato: Ven Feb 03, 2017 5:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

La valle misteriosa 7

I guerrieri della notte 7

Il gigante di pietra 7

I lupi del fiume 7

Sangue Mohawk 6

Hawak il crudele 8

Pleasant Point 10

Le nere ali della notte 150 e lode

Un capestro per Gambit 8

Ombre nella foresta 7

Plenilunio 9

Alla ricerca di Zagor 7

L'orrore sepolto 7

Il villaggio della follia 7

A volte ritornano 8

Lo scettro di Tin-Hinan 8

Nel regno dei Cajun 8

Pacifico 8

La mummia delle Ande 8

Sangue su Bahia 8

Sertao 6

Il mondo perduto 8

La profezia 6

Terra del fuoco 7

Antartica 9

mortimer ultimo atto 300 e lode

La rivolta 7,5

Lo zoo di Kaufman 10

Tamburi nella notte 7

Il giorno dell'invasione 8
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
ABU SIMBEL
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 10/10/10 07:15
Messaggi: 842
Localit: Eboli (SA)

MessaggioInviato: Dom Mar 05, 2017 9:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

Le migliori in ordine sparso :
Le nere ali della notte
Zoo Kaufman
Plenilunio
Rivolta
Mondo perduto
Antartica
Morte sospesa
A volte ritornano
Villaggio della follia
Lo scettro Tin Hinan
Mummia delle Ande
Hawak crudele
Mortimer ultimo atto

Il resto delle storie dal 7 in giu'
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Kramer76
TOP PLAYER


Registrato: 24/06/09 11:24
Messaggi: 14185

MessaggioInviato: Sab Lug 29, 2017 11:33 pm    Oggetto: Rispondi citando



la valle misteriosa: 9
il testamento zagoriano di capone e ferri. capone ricicla tutto quello che era possibile riciclare dalle sue storie degli anni ottanta e novanta. "tenebre": il clamoroso sosia di flint. capone per cita, e in questo caso, MIGLIORA "la foresta allagata", da cui prende la figura del vecchio indiano... che qui diventa un p anche alla "l'uomo con il fucile". poi cita il proselitismo indiano di "gli uomini puma" e migliora "oro maledetto", storia bella e sottovalutata, che per non era disegnata da ferri. un rape & revenge fiabesco, con tanto di foresta stregata. tre albi nostalgici, pleonastici ma urgenti.



i guerrieri della notte: 7,5
cajelli e laurenti confezionano una storia fracassona, che con il passare degli anni ha perso molto del suo fascino anche per via di un non proprio centratissimo zagor, successivamente perfezionato in "i lupi del fiume". un esercizio di stile che guarda a tarantino pi che a hill. cajelli alterna cose di classe (l'irlandese, il cinese, lo sceriffo) ad altre pi mosce (l'olandese, il campione). comunque ricorda colombi ed sempre un complimento.



la morte sospesa: 10
viaggio (sentimentale) nella paura e i gialli di burattini: un binomio killer che tuttavia ha saputo esercitare, nei confronti del sottoscritto, un fascino magnetico... amore totale nell'ultimo albo (da pagina 50 a pagina 98, per essere precisi). rubini influisce.. c' anche da dire che burattini si spinto oltre, stato troppo intellettuale in questa storia, per poter essere liquidato freddamente. ostenta il raggiungimento della maggiore et, le divergenze-affinit con il compagno nolitta. i personaggi sono estremamente realistici. sofferti i due alpinisti, infidi tutti gli altri. perfino gli indiani, non sono tirati in ballo per caso. mo-hi-la paranoica.



il prezzo del tradimento: 8
di per s, basterebbe bisi per consegnare agli annali questi due albi. per va dato atto a cajelli di essere stato capace di scrivere una sceneggiatura "bisiana", con esplosioni, scene di azione, persino il classico zagor-rambo. la storia rimane "a met", bisogna essere sinceri, mezza toninelli ("timber bill") e mezza burattini (il finto giallo, quasi una presa per i fondelli), perch zagor rischia troppo nella scena dei tronchi e per il resto si "limita" ad indagare, lo stesso ford (che un personaggione) si fa sorprendere, e anche perch manca lo scontro con il gigante nero (marolla non vi avrebbe rinunciato)



l'orda infernale: 5,5
storia poco apprezzata dagli zagoriani, diciamo pure che viene spesso elencata tra le peggiori di sempre.. eppure tornano molti personaggi amati come molti occhi, tonka, quelli di "le sette citt di cibola", ma il suo peccato quello di tentare la via dei comics (dark moon, con le sue due facce) andare a recuperare una storia come "l'invulnerabile" quasi un suicidio, anche la realizzazione dei mostri non delle migliori: gli indiani fatti di gomma, gonfiati con gli steroidi... pi debole la storia e meno disposto il lettore a sospendere l'incredulit, anche chi come me apprezza sempre un buon uso del "cattivo gusto"... non mancano gli insopportabili clich di mignacco, ad esempio il bimbominkia che viene assoldato nella allstars dei guerrieri indiani solo perch il fratello di... agghiacciande la frase di circostanza di zagor sulla morte di cico



senza piet: 8
sia "il genio del crimine" che questa storia sono figlie del loro tempo. nicolai era sclaviano-toninelliano, botte in testa comprese. burattini descrive un perfetto zagor anti-militarista, per nelle prime pagine effettua uno dei pi famigerati "revisionismi" zagoriani (sul finale "estremo" della storia di nicolai) che in realt spiegazionismo. entrambe le storie sono fatte di tanti momenti memorabili. in questa, ad esempio, ci sono il cameo di bud spencer, il bombardamento del campo indiano, i collari, il classico burattiniano dei "sepolti vivi". gray il nemico (umano) pi zagoriano degli anni ottanta, perch sia nolittiano (il dualismo con zagor), sia castelliano (due storie folli), sia toninelliano (macabro).



fino all'ultimo respiro: 10
lo zagor in cagnesco di pepe non torner mai pi... per i fratelli esposito hanno benissimo interpretato lo spirito (l'ambiente, gli indiani) di fino all'ultimo respiro, titolo gi cinefilissimo, con degna copertina. si dice che ormai difficile inventare storie di zagor. ma, avendo una "cultura" dell'azione, storie come questa se ne potranno "inventare" ancora tante... comunque, storie in cui zagor si comporta in una certa maniera, fa certe cose. questo zagor salver zagor. a burattini, l'azione, piace. forse qualcosa di inconscio (lui preferisce scrivere storie complicate), ma di certo non ha la puzza sotto al naso dei fanatici dello zagor nolittiano. non si torna indietro.



il signore delle tenebre: 8
"la notte del diluvio" e "tenebre" come un'infinita saga di nightmare zagoriani, sull'onda della nostalgia la valle misteriosa pi "storia". il segno del male, forse per il confronto impossibile con l'originale (e perch stephan era pi un'atmosfera, che un mostro ai livelli nolittiani) vira decisamente nel pastiche (dalla capanna nella palude si passa alla ghost-town, al viaggio per nave e al castello maledetto) infine nel trash. eppure l'atmosfera c' ancora, perch ferri il vero mostro. abraham stoke nell'originale era un deus ex machina metafumettistico, nel ritorno capone lo toglie di mezzo, quasi gelosamente, in modo tremendo! il personaggio del maghetto indiano sia boselliano (un p come haggoth... quindi al passo coi tempi), sia caponiano... gli indiani vengono usati da capone sempre in modo fine



tropico del cancro: 7,5
2009 l'anno delle spiegazioni. togliendo tutte le scene in cui il tempo si ferma ( la "magia senza tempo" di mortimer, mentre vendetta trasversale la fine del mondo di mortimer e burattini) in cui il nastro viene come riavvolto... rimane un soggetto interessante perch frulla "uno strano fuorilegge", le introduzioni cichiane delle storie di castelli, "il mostro della laguna", "vudu", "oceano", perch la situazione in cui si trovano zagor e cico nel terzo albo molto scomoda e zagoriana, perch l'idea di ambientare una storia di mortimer ad haiti buona... magia senza tempo, appunto, l'ultima spiaggia, il segnale inequivocabile di un'ipertrofia tragica. verni non ferriano, ha saccheggiato l'impostazione delle vignette dalle storie di ferri, la mimica, le sagome. i disegni in questa storia sono personali e belli.



le nere ali della notte: 10
lo splendido crescendo di della monica, l'importanza storica di questi tre albi (nell'anno spiegazionista... le nere ali un titolo dark e importante come lo furono "tenebre" e "incubi") e il lascito di un classico come "la nave nera" non devono sminuire i meriti di rauch: una galleria di scene, luoghi e personaggi, con una contaminazione perfetta.. insomma, se l'avesse scritta boselli sarebbe da considerare pure tra le sue migliori. l'aglio e il frassino rauch li usa contro lo spiegazionismo, contro gli eccessi di boselli, contro i suoi cattivi memorabili, tutti gelosamente tolti di mezzo... non li usa contro ylenia, perch non servono, amiamo nostra signora delle tenebre e ci identifichiamo in alec, un altro maddenbrook... e rakosi rosika!



fermate il boia: 6,5
la rapina di haiti sta a mortimer, come un capestro sta a burattini. ha avuto pure un battage, con la contemporanea iniziativa di graziano romani. di sicuro burattini la considera tanto, questa storia, si incazzato molto per le critiche dell'epoca. devo dire che i disegni sono strepitosi e battono qualunque ritrosia e qualunque spiegazionismo. e devo dire che come giallo della patonza funziona. fino a quando zagor mena, a destra e a manca, diverte anche. inoltre burattini stato molto fine nella liaison tra zagor e gambit.. manca il bacio, e sembra una..ritrosia post-traumatica per la vignetta cancellata in "acque del sud". certo, la deriva spiegazionista era lampante, apocalittica. tutta la parte dedicata al cattivo fosbury ha dell'incredibile, del lisergico. spara a un povero mulo solo per lasciare una traccia.



dove volano gli avvoltoi: 5
"caramba y carambita, un senatore in ansia per i figli rapiti e un gruppo di militari desiderosi di compiacerlo, sembra una miscela pericolosa per la pace" queste frasi rendono bene l'idea di una storia fatta di niente, di ingenuit e manierismo, attaccata con lo sputo alla trasferta.. mignacco scompiglia un p la trita e ritrita retorica zagoriana con il personaggio borderline di sette nuvole, ma anche vero che senza l'iniziativa malsana di sette nuvole, la storia sarebbe finita giustamente con il bel duello scure vs spada, non avendo altro da esprimere, e non si sarebbe invece trascinata fino alla fine!



ombre nella foresta: 7,5
come "alla ricerca di zagor", sarebbe potuto essere uno dei migliori almanacchi. comunque sulla serie regolare non sfigura affatto, legata a doppio filo a "vendetta trasversale", anzi una delle migliori nel suo genere: l'incipit, la seduta spiritica, pi dylaniano di cos, si muore! sono freaks finalmente umani (bello il ruolo di cico) dopo i cattivi toninelliani.. l'orco ricorda appunto questi ultimi, anche per la fine che fa



buio rosso sangue: 9
burattini e nuccio (gi molto bravo e di personalit) aggiornano il licantropo zagoriano quantomeno agli anni ottanta e ai film di landis e dante.. era ora! se bisogna considerarlo un giallo, l'ennesimo, senz'altro tra i migliori. gli spiegoni e i riavvolgimenti del nastro non mancano, l'influenza altrettanto malefica del 2009 si sente insomma. ma il cattivone e il complotto di questa storia vincono il confronto con quelli di molti altri gialli di burattini. interessanti anche gli inserti storico-culturali. poi a dire la verit il "giallo" si "genuflette" al mostro e alle sue cinque o sei scene-madri.. alcune sono addirittura da antologia! infine, ci sono metrevelic (stavolta ben inserito), tawar e il mitico pendolino.



alla ricerca di zagor: 9
un piccolo miracolo in piena era giallo-spiegazionista o, giocando con il cronomoto, durante il medioevo di toninelli in cui potrebbe benissimo collocarsi: sia maratona nolittiana che "trafficants holocaust". sarebbe potuta essere il miglior almanacco o uno dei migliori albi centenari. chiss perch burattini non ha usato una storia di questo tipo per i suoi.. schneider un'icona trash, il tizzone umano burattiniano definitivo. gli esposito si divertono da pazzi, con animali feroci, bufere da tregenda, lineamenti spossati.



il morso del serpente: 6
bacio lettera e testamento "lampo mortale" secondo mignacco: a differenza dell'eccentrico colombo che se ne fotte e tira dritto (con risultati controversi), mignacco cerca di prendere qualcosa da ciascuno degli autori di maggior fortuna di zagor: boselli una foto di gruppo, burattini supermike, uno zagor ormai portentoso in qualsiasi attivit fisica e intellettuale, con una mano spara e centra ogni fanale, nell'altra tiene un codice penale o quello civile a seconda delle situazioni.. e nolitta? se intendiamo la retorica nolittiana, nolitta una o due belle parole da baci perugina, da infilare qua e l e da ribadire pi volte per i duri di comprendonio, se nolitta inteso in senso universale, come coinvolgimento emotivo, nell'insolito e toccante prologo... alla fine appena meglio di colombo, ma la storia non meno ingenua per certi versi, la differenza la fa mangiantini acerbo ma gi con un suo stile



lo specchio nero: 8
il cronomoto metafumetto ecumenico. viene ridata dignit a soluzioni trite e ritrite come la carica dei bisonti ("condanna a morte"), a un nolitta minore come "zagor story", alle storie pazze del bvza (che sembra di rivedere nel barbuto professor elkann), a una storia altrettanto pazza come "la voce che uccide", a un personaggio gi simpatico come artiglio d'orso (kramer vs kramer di "l'indiana bianca"), a disegnatori come gamba. il pezzo forte di questa operazione nostalgica non digging bill bens uno zagor perfetto (bella la scena cittadina) e i cattivissimi "venuti dallo spazio", incomprensibile il veto bonelliano sull'intrigantissima apparizione dei legionari romani



l'orrore sepolto: 8
storia forse irrisolta. laurenti un p sottotono: i mostri sono un p confusionari. per divertente. "minaccia aliena" di burattini ne esce molto male, al confronto. rauch allo stato puro.. ogni storia di rauch "definitiva". perfino "rotta verso panama" riuscir ad esserlo, nonostante la fottuta imposta continuity. un pugno di caratteristi che si scrivono quasi da soli (boselli ormai solo una base di validit per rauch) un buon cico, un verybad "rinato", il gusto per le citazioni eccellenti, zagoriane ed extra, per la suspanse zagoriana, per i mostroni zagoriani, e per la supercazzola.



uomini senza legge: 9
altro western dark di rauch. boselliano ma infatuato da toninelli, come gi si era visto in "il vagone blindato". la storia potrebbe svolgersi quasi senza zagor, i personaggi sia buoni che cattivi sono perfetti, l'atmosfera spettacolare, ci sono anche scene fantastiche, prese singolarmente: il prologo, la brutta fine di banditi e sceriffo, l'arrivo dello stesso sceriffo mentre tutto il paese a messa, la corsa sul carro. zagor comunque c', si becca una botta ma salva tutti e rimane abbastanza duro nei confronti di sharp. uomini senza legge un'altra perla nata dalla collaborazione con l'incredibile della monica



il grande torneo: 6
l'ed wood zagoriano torna a confondere e turbare le menti degli zagoriani, stavolta sulla sacra serie regolare, con una storiella a met tra il consapevole "omaggio" di uno zagor che non c' pi (i trafficanti), il riempitivo commissionato, il riempitivo in cui paolucci solo un uomo di paglia per burattini, il riempitivo in cui confinare il "Mostro" chiarolla, di sicuro zagor abbstanza burattinano e divertente in azione mentre i cattivi, in linea con la storia, sono noiossissimi.. non riesco a spiegarmi come a un autore esordiente possa venire in mente di far tornare rocky, ma altrettanto sicuro che paolucci ha fatto meglio di pezzin



a volte ritornano: 9
storia che sa celebrare zagor e sa anche coinvolgere in quel progetto che poi stata la trasferta sudamericana. burattini riuscito a mettere assieme "l'abisso verde", atlantide, "viaggio senza ritorno" e "darkwood anno zero". la storia ben disegnata, ha una bella atmosfera e tante scene fantastiche, con i mostri e anche senza mostri. bella ad esempio la sauna. certo, la storia si legge con piacere ma, poi.... cosa centrava shyer con atlantide? cosa voleva dire? quale "minaccia"? forse shyer voleva solo che zagor si rapportasse meglio con l'altro sesso, vista poi la continuity "al femminile"? il destinatario era il lettore? una super-cazzola e basta? fatto sta che virtualmente anti-spiegazionista ma lo spiegazionismo non ancora finito (certi discorsi di shyer sono sempre meno vuoti e sempre pi "ruffiani" verso l'insofferente zoccolo duro), per forse sta cominciando la fortunata era dei flashback.



lo scrigno di manito: 5,5
questi numeri a colori di burattini sono inquietanti perch larvatamente criptici: perch ha scelto devil mask? burattini che avrebbe potuto scrivere dei numeri a colori come "la corsa delle sette frecce".. perch tutto questo, il fanatismo insensato, molti occhi ridotto in fin di vita? in attesa di un color che ci illumini, l'harakiri il degno finale enigmatico, inquietante anche la gag sui 50 anni di cico, che ha un raptus omicida meno giustificato del solito.. quello che mi piace di questo albo la parte pi ricca e avventurosa, quella con il canyon e le caverne che danno un senso al colore sui disegni del Maestro... mi piace anche l'idea dei tre cavalieri difensori di darkwood, zagor tonka e winter snake contro tutti



il dio della polvere: 8,5
un pastrocchio demenziale, in cui, alla fine, dove peschi peschi, peschi sempre bene. mi piacciono: le parti in africa nel primo albo (forse la cosa migliore, la scena in cui i tuareg scambiano una carovana di zombi per una di schiavi, o l'irruzione nel santuario gi vista in il terrore dal mare), gli zombi a darkwood, il dio della polvere (la scena in cui "i nostri" gli offrono in esca un kushita costruita bene), la "casa maledetta" e infine zagor che rimane abbarbicato alla capsula volante. cosa non mi piace? beh, sia dexter che richter non valgono zagor, non valgono una trasferta. cain sfasato, ma ci pu stare. boselli ormai pensa solo a tex e si vede. biasimarlo da ipocriti. storia "esportabile", grazie alla variet di situazioni e soprattutto ai disegni di rubini. infatti rubini esportato lo stato.



alligator bayou: 8
storia strana (manca qualcosa) comunque piacevole. non centrano niente i confronti con "tragico carnevale", probabilmente c' il fatto che la storia stata "interpolata" per poter essere inserita nella continuity. perniola perniola! c' pure lo zampino di paolucci, l'ed wood zagoriano. i personaggi (la baronessa, i due rivali cajun) e le situazioni molto curati: in particolare il finale, con l'alternanza tra combattimenti e la fine beffarda di de marigny, che richiama un p matusalemme un p capitan uncino! storia sia intellettuale che fisica. i cajun sono perniolani cento per cento. l'abbraccio tra badeaux e il ragazzo ricorda quello tra cico e il quaccherino in "la danza degli spiriti". dopo l'inarrivabile rubini, mangiantini sforna il "suo" capolavoro e lascia intendere che la trasferta, quantomeno a disegni, sar un portento.



pacifico: 9
probabilmente la mia storia preferita di questa trasferta. vero, i disegni non sono quelli di rubini, n quelli di mangiantini, ma i di vitto, oltre a citare continuamente mister no, tra indios e missionari, hanno saputo ben interpretare lo spirito rauchiano, il testa-a-testa (non solo metaforico), un vero e proprio ti-spiezzo-in-due, tra zagor e il ranger mcgunn (presa per i fondelli del pi noto ranger del texas) storia nolittiana, sia muscolare (c' perfino un duello finale) che intellettuale. uno zagor mediterraneo e santo protettore dei migranti. la storia si inserisce nel filone dello schiavismo, non quello fasullo di toninelli, ma quello con "catene" (eh s, i disegni non sono manco quelli del muscolarissimo pepe..), la non riuscita (peccato) "liberty sam", "la terra della libert" un p meglio, il cult "il signore dei serpenti", l'atavica e fondamentale "i mercanti di schiavi"



cuzco: 8,5
storia originale (un documentario zagoriano), insoddisfacente per chi vuole storie zagoriane meno spezzettate (tralaltro andava pubblicata subito insieme a "le donne guerriere", per fare una sorta di saga come in africa), in definitiva un insieme di cartoline splendide e di quadri naturali (gli edifici di culto, i complessi abitativi, la corrida), di informazioni (una pro loco non sempre funzionale), di supercazzole e di spunti interessanti (la "matrice" mestruale, le suore di clausura di machu picchu), anche di scene d'azione spettacolari, quando c' di mezzo burattini. prisco si propone come uno dei migliori disegnatori in circolazione. barranco? un personaggio antipatico, il sesso "sporco" in contrapposizione al sesso "debole" o presunto tale. dexter? antipatico pure lui... qui quasi uccide un fraticello



labirinto verde: 6
storia "trash" tutto sommato simpatica, se si toglie la parte posticcia di riepilogo delle puntate precedenti (con zagor che mostra tutto fiero il suo amuleto fallico) disegni belli e gioco delle citazioni divertente, se si riescono subito a cogliere: http://dimeweb.blogspot.it/2012/10/da-mister-no-zagor-una-storia-da.html io inizialmente non ne ricordavo nessuna e l'ho sofferta... la pi divertente, secondo me, "lo spirito del male" (mixata con "il dio giaguaro")



piranhas: 6,5
zagor scopre il sesso? non basta una vignetta subliminale.. moreno riscopre la donna zagoriana? per quello basta "la storia di betty wilding".. scoprire la donna in zagor e in ognuno di noi? no, vabb, non basta la posticcia repulsione verso marie, "sbianchettamento" delle pulsioni. ci vogliono i fatti, non bastano le parole, le rose, i violini e le caramelle. e gli amuleti fallici.. un colorito carnaio di nemici incolori, basta parzialmente. non quel sequel (o quel laurenti) che ci si attendeva dopo "vendetta vudu" e "l'impero di songhay". si gira a vuoto per la foresta, attaccati a una sorta di tram atlantideo, un tram (non pi) chiamato desiderio.



l'armata dei folli: 8
mignacco non riprende i personaggi di "la scorta mohawk" forse perch, in sudamerica, zagor deve sempre essere coinvolto a forza in un qualche fatto storico, con i piatti tipici e le usanze del posto inseriti dappertutto e gli spezzoni con dexter da appiccicare qua e l.. mignacco impalettato paradossalmente sforna tra le cose pi indovinate di questa trasferta: zagor carceratto, lobo rodrigues (il migliore personaggio della trasferta) e cico beato tra le donne (tanti e riusciti personaggi femminili), la rivolta che in realt una faida famigliare, la notte tra i vicoli e le viuzze del borgo marinaro, il finale molto bello. mignacco chiaverottiano, per come ripete a sfinimento i due o tre concetti alla base della storia. sua migliore storia, comunque. disegni di della monica sempre pi belli. sangria su bahia. gangs of salvador.



serto: 6,5
bonelli ha sempre lisciato il pelo ai cangaeiros. boselli ce li propina direttamente in versione bimbominkia. e ci propina, in uso burattiniano, il "personaggio storico", che cos (scemo) perch cos e basta. zagor a diabolo negro "grazie per avermi concesso di seguirti..." maddeche'? scritta da/per aficionados. boselli aficionado di s stesso. i lettori aficionados del cucco, gli puoi propinare tutto, tranne "atlantis" e "incubi". zagor eroe solo(?), padre separato, aficionado, va a messa la domenica. nulla di scandaloso, eh! che questo filone boselliano "spagnoleggiante" ("fratelli di sangue", "bandidos", "veracruz") col tempo non mi viene a significare pi nulla, se non che boselli ci ha lasciati orfani (per tex..) e adesso spera di compensare con i bimbominkia. storia gradevole, comunque. sempre in uso burattiniano, uno zagor che si da da fare, a parte nel finale. i disegni di bisi sono strepitosi.



scontro tra titani: 9
boselli rubinosostenibile. la storia non certo all'altezza dei classici o dei capolavori con mostri e con mondi perduti.. di nolitta, tanto per fare i nomi. per ben raccontata ( "simpatica" a differenza delle ultime storie di boselli con tuaregs, cangaceiros, bimbominkia, tutti uguali) e ha almeno due scene meno di mestiere e pi di cuore, l'omaggio definitivo a "odissea americana" nell'anfiteatro e tutta la parte finale con i pterodattili, compresa la trovata degli alianti.



la profezia: 7,5
originale, come "la mummia delle ande", on the road e in progress, ben disegnata dal duo verni e sedioli. c' uno zagor ispiratissimo, clarkentiano. ci sono dei cattivi puzzolentissimi, solforosi e zombeggianti. c' un "fatto storico" coinvolgente, ben preparato e ben realizzato. ci sono i matamoros, simpatici e dispensatori di massime, c' darwin, uno di quei personaggi burattiniani fissi, fin da "pericolo mortale". da un lato divertente l'ucronia, il fatto che zagor riesca a togliere le castagne dal fuoco pure all'uomo di scienza per eccellenza. dall'altro l'autore ha voluto strafare, insistendo troppo sulla dialettica con fitzroy.



l'ora del destino: 5,5
mignacco non fa che rispettare le consegne e la continuity disposte da altri: gli scenari, bellissimi, continuano a funzionare alla grande, sedioli diventato un disegnatore molto bravo e non sfigura di fronte agli altri talenti della scuderia, regala anche dei bei personaggi femminili.. ma la storia? il primo albo incoraggiante, il triangolo tragico diverte molto alla prima, al secondo flashback.. al terzo stanca, al quarto risulta chiaro che LA STORIA si poggia sul nulla e si trasciner per tutta la sua durata, senza vergogna delle ripetizioni evidenti, nella dilatazione spacciata per profondit



terra del fuoco: 6
difficile valutare questa storia senza tener conto della ricostruzione storica ostentata orgogliosamente da burattini, qualcosa di pi di una sovrastruttura ingombrante: burattini ha voluto giocare facendo interagire zagor con gli eventi storici, qui la lente di ingrandimento si sposta sui rapporti tra due mondi e sulla civilizzazione forzata, con l'analisi molto accurata degli effetti della cristianizzazione sulle personalit dei tre fuegini e una minacciosa eco di sticazzi.. la storia in s non un granch, ma ben raccontata come sempre da burattini, coadiuvato dal dinamico prisco, con uno zagor in alcuni momenti trascinante: quando prende il controllo della situazione sulla nave mette in mostra un'ulteriore abilit: supermike scansati!



le montagne di ghiaccio: 9
capolavoro di della monica. tanta roba, storia sia documentaristica che orrorifica (un mockumentary zagoriano?) ma soprattutto metafumettistica e trash come le ultime di nolitta: l'ameba mangiatrice di uomini, di "viaggio senza ritorno", e "magia senza tempo". la chiave della conoscenza alla fine cos', se non metafumetto, viaggio sentimentale insano e di sola andata alle montagne della follia. boselli se ne va.. in canottiera al polo sud. l'ultima thule di una carriera zagoriana. pre-atomico, pre-bimbominkia. cico l'anti-bimbominkia. l'eremita-mostro vuol dire tutto (la mutazione nolittiana.. "il vendicatore alato") e non vuol dire niente. zagor mos all'incontrario, stronca l'esodo. trash! nella singola storia ci sta. stato nella continuity della trashferta, che non ha convinto. troppo banale il falso amico, l'agente deviato..



il signore dell'isola: 6,5
giusfredi e il redivivo colombo (si sente la sua presenza, ci sono tanti dettagli) hanno confezionato una storiellina molto migliore delle consimili "caccia al lupo" e "uomini e belve", gi a partire dal fatto che zagor quello burattiniano o, se vogliamo, marolliano. personaggi simpatici: il professore (poveraccio..) e il cattivone, trashissimo, un represso politicamente scorretto in una storia che pi politicamente corretta e new-age si muore. disegni di ferri bellissimi.



vendetta trasversale: 10
non capisco le critiche "non muore virginia" "non muore cico" "moreno aveva detto.." "troppe anticipazioni" MA CHE STATE ADDI' un back-to-darkwood burattiniano ci voleva, al di l di come la si pensi sulla trasferta. invece di hellingen, c' questo "duello" nolittiano terroristico lungo tre albi e mezzo. mortimer con una faccia da cane bastonato IMPAGABILE. zagor divino. scene di tensione e di azione PERFETTE, in particolare nell'ultimo albo. anche volendo sminuire doney e gli altri, le scene sono troppo belle e sincere. doney era importante per nolitta. basta il pensiero: la golden baby nel mirino del cane bastardo arrabbiato mortimer. queste ultime storie di burattini sono meno "prolisse" (qualcuno infatti si lamentato che questa storia di mortimer meno "complessa" delle precedenti ahahah) ma sono pi "intense": il "fuoco" (l'acciarino), cave canem, la volpe, lo squalo, le ragazze di pleasant point, la battuta di cico sugli avi fabbricatori di coltelli, ecc. lo spiegazionismo morto. viva verni. altro che "incubi"...



la rivolta: 10
esordio perfetto, sequel "non autorizzato" assolutamente all'altezza di "l'inferno dei vivi", con bisi subito intesa magica, la storia volteggia elegantemente tra epica e grottesco, davvero un colpaccio quello di marolla, l'autore si diverte a ripescare emerite mezzecalzette della saga di zagor: in particolare, la storiella che sta dietro il boia puro delirio ma non da meno la radical chic ad HEll gate.. il piatto forte sono i corpo a corpo e in generale le "zagorate": marolla ha capito tutto quello che c'era da capire di NOLITTA, tutto il resto sono CAZZATE per radical chic, zagor deve fare zagor, deve ritrovarsi immerso in una storia di pura azione, contorniato da personaggi bislacchi, l'azione deve essere studiata, non messa l per riempire i vuoti tra un concetto e l'altro.. e, cosa pi importante, ZAGOR NERO, senza bisogno di continuity o di rivoluzione



lo zoo di kaufman: 10
gi dalla sceneggiatura (l'uso dei flashback, albi che si chiudono sul pi bello) e dalla "scenografia" si capisce che nuccio e burattini hanno realizzato un miracolo, tra fortezze malesi, architetture pigmee (come quelle di marcus) e case stregate in cima ai fiordi.. storia che mi ha lasciato letteralmente incredulo durante la lettura: zagor che sfida in velocit il ghepardo zagor che torna momentaneamente CAPRA come quello di NOLITTA ("leonardo da vinci? un trapper") a contatto con una natura ostile e sconosciuta (i combattimenti uno pi bello dell'altro) tallonato da cattivi pittoreschi che poi, proprio per non farci mancare NIENTE, non sono cattivi cattivi.. qualcuno dir: "s vabb, ma lo aveva gi fatto nolitta", risposta: "esatto"



tamburi nella notte: 8
la memoria corre subito a "sentieri selvaggi", storia molto truce e "marcia" (intesa come figlia degenere di "la marcia della disperazione") con fortini per soli trapper, pellizozze senza piet (qui particolarmente "cannibali", grande rauch) e non pi bimbiminkia in cerca di vendetta.. rauch zagoreggia alla grande malgrado il poco spazio e il poco materiale (sempre lo stesso, da "la foresta degli agguati"), se i riempitivi di zagor fossero stati tutti cos oggi burattini scriverebbe tex, con toninelli a curare il tutto



il giorno dell'invasione: 7,5
rauch oneri ed onori, nolitta (il prologo, la barriera, il raduno, la tortura) e gli altri (il cervo, il sogno, darkwood rasa al suolo, rakum-formaggino e LA BOMBA) anche gli indiani nel recinto, e l'astronave che sembra un circo itinerante, akkron nell'era burattiniana-rauchiana: si scervellano per capire perch... e finisce malissimo. tutte immagini riuscite, albo divertentissimo e trash, giusto trionfo per rauch
_________________
Michele P.


Ultima modifica di Kramer76 il Mer Gen 31, 2018 9:23 pm, modificato 33 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Andrea67
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 24/11/09 21:32
Messaggi: 5058

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 8:26 am    Oggetto: Rispondi citando

Un applauso a Kramer!
Sono pressoch d'accordo con quasi tutti i suoi giudizi, fatte salve le dovute eccezioni.
E questo vale anche per le altre centurie.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Andrea67
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 24/11/09 21:32
Messaggi: 5058

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 8:26 am    Oggetto: Rispondi citando

Ora passiamo agli extra.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Wolfenstein1976
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 13/07/16 12:24
Messaggi: 1516

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 10:30 am    Oggetto: Rispondi citando

Sto rileggendo la centuria tramite la CSAC, non sono d' accordo su alcune votazioni, ad esempio Mortimer ai tropici o Gambit, comunque ottimo post.
_________________
Mirko
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Zagrosky
Trapper del forum


Registrato: 21/06/12 14:34
Messaggi: 35732
Localit: Avezzano

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 11:02 am    Oggetto: Rispondi citando

Soprattutto, Pacifico the best of via crucis sudamericana!!!
La trash-ferta flop passer alla storia zagoriana pi per la presenza dei vip (!?) Lana e Barranco (Kit) che per le sceneggiature!
_________________
Ivan ha scritto:
Bene, gente, stato bello rivedervi, ma adesso toglietevi tutti quanti dalle pal...udi,
]Zagrosky custode della nolittianit - Robespierre, ma fino a un certo punto...
Spiritello Fran ha scritto:
Io ve anticipo che me so rotto li cojoni! Laughing

One Eyed Jack ha scritto:
questa una zagroskata. Brick wall

Kramer76 ha scritto:

le zagroskate sono il sintomo_dello zagoriano medio: "non ricordo" "sono stanco"

]Detrattore con la scure - Stalker (...e cecchino) telematico!
Ivan ha scritto:

Zagor e' un contenitore non un cassonetto!

Ivan ha scritto:

Zagor sopravvive solo grazie all'ostinazione dei nostalgici che sperano di ritrovare nei nuovi albi uno scampolo del vecchio spirito nolittiano. E come premio vengono chiamati "detrattori".


Ultima modifica di Zagrosky il Dom Lug 30, 2017 3:13 pm, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Wolfenstein1976
Zagoriano Expert
Zagoriano Expert


Registrato: 13/07/16 12:24
Messaggi: 1516

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 11:09 am    Oggetto: Rispondi citando

Ovviamente voti bassi anche per la trasferta che io ho trovato di buon livello con alcune ottime storie, nessun flop, perche' le trasferte passate erano dei capolavori.
_________________
Mirko
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Kramer76
TOP PLAYER


Registrato: 24/06/09 11:24
Messaggi: 14185

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 3:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Wolfenstein1976 ha scritto:
Ovviamente voti bassi


forse devo introdurre il 6,5 Think

dal 7 in su i mezzi punti mi sembrano inutili
_________________
Michele P.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Zagrosky
Trapper del forum


Registrato: 21/06/12 14:34
Messaggi: 35732
Localit: Avezzano

MessaggioInviato: Dom Lug 30, 2017 4:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

ti conviene usare i rapallini!!!
_________________
Ivan ha scritto:
Bene, gente, stato bello rivedervi, ma adesso toglietevi tutti quanti dalle pal...udi,
]Zagrosky custode della nolittianit - Robespierre, ma fino a un certo punto...
Spiritello Fran ha scritto:
Io ve anticipo che me so rotto li cojoni! Laughing

One Eyed Jack ha scritto:
questa una zagroskata. Brick wall

Kramer76 ha scritto:

le zagroskate sono il sintomo_dello zagoriano medio: "non ricordo" "sono stanco"

]Detrattore con la scure - Stalker (...e cecchino) telematico!
Ivan ha scritto:

Zagor e' un contenitore non un cassonetto!

Ivan ha scritto:

Zagor sopravvive solo grazie all'ostinazione dei nostalgici che sperano di ritrovare nei nuovi albi uno scampolo del vecchio spirito nolittiano. E come premio vengono chiamati "detrattori".
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
wakopa
Iper Zagoriano
Iper Zagoriano


Registrato: 05/08/09 15:15
Messaggi: 17257

MessaggioInviato: Lun Lug 31, 2017 8:41 am    Oggetto: Rispondi citando

Kramer76 ha scritto:


alla ricerca di zagor: voto 8
un piccolo miracolo in piena era giallo-spiegazionista

il morso del serpente: voto 5,5
b mignacco cerca di prendere qualcosa da ciascuno degli autori di maggior fortuna di zagor: boselli una foto di gruppo, burattini supermike, uno zagor ormai portentoso in qualsiasi attivit fisica e intellettuale, con una mano spara e centra ogni fanale, nell'altra tiene un codice penale o quello civile a seconda delle situazioni..

il dio della polvere: voto 7
boselli ormai pensa solo a tex e si vede.


davvero una boccata di ossigeno "alla ricerca di zagor" nella claustrofobica era giallo-spiegazionista Very Happy

lo zagor che con una mano spara e l'altra regge i codici Laughing

Boselli non mi ha mai fatto impazzire,pero' trovo ingenerosa la frase su Tex:
"il dio della polvere" e' poco riuscita per usare un eufemismo,ma dopo arriveranno comunque la buona "il mondo perduto" e l'ottima "antartica" forse la migliore della trasferta .
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Consiglio di primavera Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3  Successivo
Pagina 2 di 3

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group